Co.Imper è un’impresa edile con sede a Grosseto, specializzata nelle coibentazioni per edifici pubblici e privati, nel rifacimento di tetti e facciate e nella realizzazione di piscine. Co.Imper, inoltre, si distingue anche per le sue opere di ristrutturazione di immobili e/o parti di essi.

In molti, infatti, sembrano ignorare la possibilità di valorizzare al massimo un edificio di proprietà, ripristinando la piena efficienza di tutti i suoi ambienti.

Spesso, nel nostro lavoro, ci troviamo al cospetto di edifici le cui potenzialità abitative sono sfruttate in una percentuale davvero povera, laddove sarebbero sufficienti pochi accorgimenti e una spesa minima per riportare ogni ambiente dell’immobile a una piena efficienza e alla massima funzionalità. Il precipitato di tale operazione sarebbe duplice: da un lato, il miglioramento della qualità della vita degli inquilini, che avranno un vano in più da sfruttare; dall’altro, l’aumento del valore dell’immobile, nella prospettiva di una – eventuale – futura vendita.

Le grandi dimenticate: le cantine

Per esperienza, possiamo affermare che sono le cantine i vani maggiormente soggetti ad abbandono o incuria. La loro problematica collocazione e la progressiva perdita – quantomeno negli ambienti urbani – del bisogno di sfruttarle per quella che era la loro destinazione d’uso primigenia hanno fatto sì che molti proprietari di immobili finissero per disinteressarsene.

Eppure, le cantine possono essere facilmente riconfigurate in locali adibiti a tutt’altro utilizzo: basta utilizzare un po’ di creatività. Nelle righe che seguono, abbiamo individuato cinque utilizzi “fuori norma” per questa tipologia di ambienti.

  • Sala giochi. Con i dovuti accorgimenti – legati soprattutto alla presenza di scalinate –, le cantine possono diventare degli ambienti ideali (spaziosi, duttili, facilmente arredabili e organizzabili) per creare degli spazi ludici per i più piccoli. Soluzione adatta soprattutto alle famiglie con bambini.
  • Sala da musica. Sarà il retaggio di qualche vecchio cliché, ma chi ama suonare uno strumento e non può farlo in casa (per problemi di decibel o di spazio disponibile) potrà trovare in cantina l’ambiente adatto, a patto di sottoporlo ad adeguati lavori di isolamento acustico.
  • Home theatre. Chi non ha mai sognato di possedere un cinema in casa? I lavori per allestirlo sono molto meno impegnativi e costosi di quanto si creda. Delle buone poltrone, un proiettore da soffitto, un impianto acustico adeguato, uno schermo, un lettore DVD e ovviamente un isolamento acustico adatto allo scopo: a quel punto, non rimarrà altro che scegliere il film e preparare il popcorn…
  • Sala hobby. In America la chiamano man cave, ovvero lo spazio in cui gli uomini di casa possono rifugiarsi per coltivare i loro peculiari interessi. Ma non è scritto da nessuna parte che debba trattarsi di un ambiente prettamente maschile: quale che sia l’hobby di uno o più membri della famiglia – purché realizzabile all’aperto –, la cantina offre spazio a sufficienza per dare a esso il respiro che merita.
  • Molto spesso i liberi professionisti sono costretti a lavorare in casa, in condizioni non proprio ideali (rumori, collocazioni logistiche precarie, scarse possibilità di mantenere la concentrazione). Perché allora non trasformare la cantina in un ambiente puramente lavorativo, sereno e appartato come solo le cantine sanno essere? Anche la qualità del lavoro ne risentirà in positivo.